lunedì 25 luglio 2011

Fiat-Suzuki-Volkswagen: un triangolo dal finale incerto

Suzuki SX4
Suzuki SX4: una giapponese con motore italiano


I rapporti di collaborazione fra Fiat e Suzuki risalgono alla produzione del modello Fiat Sedici, il piccolo SUV disegnato da Giorgetto Giugiaro e fratello (quasi) gemello della Suzuki SX4. Questa famiglia di prodotti – disponibili sia a trazione anteriore che integrale – viene prodotta dalla fine del 2005 nello stabilimento Suzuki di Esztergom, cittadina ungherese situata ad una cinquantina di chilometri a nord di Budapest.

Winterkorn Suzuki Volkswagen
L'accordo tedesco-giapponese
Nel 2009 Suzuki scelse di stringere un accordo (del valore di 2,5 miliardi di dollari, equivalenti a 1,7 miliardi di euro) con Volkswagen, che ora possiede il 19,9% dell'azienda guidata dall'81enne Osamu Suzuki (la quale ha ottenuto quote per il 2,5% di Volkswagen). Un battibecco a distanza avvenuto negli ultimi mesi tra il boss di Volkswagen Winterkorn e l'anziano Suzuki ha dimostrato che le cosa fra due case automobilistiche non procedono affatto d'amore e d'accordo. Alla dichiarazione di Winkelkorn di giugno – quando definì l'accordo con Suzuki “una totale delusione” - ha risposto più recentemente il presidente di Suzuki, dicendo che i dirigenti VW pensano – erroneamente – che Suzuki sia sotto il loro controllo, mentre in cambio non sembrano essere in grado di fornire tecnologie fruibili da subito da parte di Suzuki.

“Nel caso fossimo privi di nuove tecnologie, allora potremmo allora rivolgerci a società nostre partner”, ha aggiunto più recentemente Osamu Suzuki, il cui cruccio principale sembra essere quello di dotare i modelli del marchio di Hamamatsu di propulsori diesel.

Il terzo incomodo
E così ha fatto (probabilmente prima della summenzionata dichiarazione). Fiat e Suzuki hanno infatti siglato un accordo per la fornitura di motori 1.6 Multijet 120 CV – che già aveva sostituto il 2.0 Multijet utilizzato su Suzuki SX4 – da montare su un nuovo modello di auto da costruire in Ungheria a partire dal 2013. Le due aziende già collaborano per la fornitura di motori 2.0 Multijet 135 CV e la licenza per la produzione dello Small Diesel Engine 1.3 Multijet da 75 e 90 CV in India, da parte un'azienda del gruppo Suzuki.

Il flirt con Fiat Group Automobiles potrà portare al definitivo divorzio di Suzuki e Volkswagen? A prescindere dal fatto che fra Volkswagen e Fiat Group non sembra scorrere buon sangue (fra le varie cose a causa delle malcelate mire di Ferdinand Piëch su Alfa Romeo), è certo che Sergio Marchionne avrebbe tutto l'interesse a rendere più stretti i rapporti con il partner asiatico, a caccia com'è di un rafforzamento dei marchi del Gruppo Fiat-Chrysler ad oriente.
-->