martedì 5 febbraio 2013

Mercato auto nuove: gennaio apre l'anno in netto calo


Dopo il poco confortante consuntivo 2012, a gennaio, nessun osservatore si sarebbe aspettato una ripresa del mercato delle auto nuove in Italia (oltre ai problemi legati all'economia, le incombenti elezioni non aiutano di certo), ma il diciottesimo calo a doppia cifra in due anni (come ricordato dall'UNRAE – Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri) riesce comunque a sorprendere per le dimensioni, pari al 17,6 per cento (ovvero 24.220 vetture, il totale di gennaio è 113.525 auto nuove venfute).

Nel gennaio 2012, infatti, erano state immatricolate 137.745 auto, dato che già risultava essere inferiore del 16,6 per cento rispetto al gennaio 2011. Un due anni – quindi – quasi un terzo delle vendite d'auto di gennaio si sono volatilizzate. “Se ricordassimo che gennaio vale storicamente il 10% dell’immatricolato dell’anno, il consuntivo di questo mese proietterebbe a fine anno un risultato che non voglio nemmeno immaginare”. È stato il commendo di Jacques Bousquet, Presidente dell’UNRAE, che ha aggiunto “Vorremmo far rilevare come nessuno dei soggetti coinvolti [nell'attuale] campagna elettorale abbia finora concretamente dato attenzione ad una filiera che dava lavoro a 1.200.000 persone”.

Insomma, nulla di buono si preannuncia per l'auto in Italia per l'anno in corso, almeno al momento attuale.

Analizzando la provenienza delle vetture immatricolate, scopriamo che il peso dei marchi riconducibili a al nostro Paese aumenta al 30,14 per cento (era il 29,54 per cento un anno fa), mentre i segmenti piccoli (A+B) sfiorano il 60 per cento del mercato (era il 55 per cento nel 2012). L'unica vettura di segmento C fra i dieci modelli bestseller (vedi tabella) del mercato è la Volkswagen Golf.

Per quanto riguarda l'alimentazione, si segnala:
  • forte calo di motorizzazioni benzina (dal 37,2 percento al 32,2) e diesel (da 55,1 a 52,4);
  • forte crescita delle vendite di auto a GPL (più che raddoppia, da 4,3 per cento a 9,8) e metano (da 3 percento a 4,8);
  • crescita delle vetture ad alimentazione ibrida (da 0,3 a 0,84 percento del mercato);
  • addirittura calo – ma i numeri sono infinitesimi – delle automobili elettriche (da 0,04 a 0,03 per cento delle immatricolazioni).
Fiat Punto 2013, nuova gamma
Fiat Punto gamma 2013
Per quanto riguarda il Gruppo Fiat, mentre Alfa Romeo e Lancia calano di più del mercato (rispettivamente del 36,2 e 29,1 per cento), Fiat riesce ridurre le perdite ad una cifra (-9,3 per cento), portando così la quota al 22,7 per cento (era 20,6 percento un anno fa). In calce riportiamo le cifre marchio per marchio.

Fra i dieci modelli d'auto più venduti nel gennaio 2013 si notano:
  • l'ottima performance di Fiat Panda, sempre prima in classifica,
  • l'ingresso Fiat 500L al 7º posto (ed è seconda nella classifica auto diesel, dopo la Volkswagen Golf),
  • la presenza di Fiat Punto stabile al secondo posto (è uscita in questi giorni la gamma 2013 del modello Fiat)
  • mentre l'Alfa Romeo Giulietta esce dalla top ten.
 
Italia - Immatricolazioni autovetture nuove gennaio 2013 (classifica auto - top ten)

Pos.
Marca
Modello
Vendite*
1
Fiat
Panda
9.530
2
Fiat
Punto
6.292
3
Lancia
Ypsilon
3.795
4
Citroën
C3
3.480
5
Fiat
500
3.462
6
Renault
Clio
3.212
7
Fiat
500L
3.113
8
Volkswagen
Polo
2.827
9
Volkswagen
Golf
2.637
10
Ford
Fiesta
2.550
* Leggi: immatricolazioni


Italia - Immatricolazioni autovetture nuove gennaio 2013 (confronto con gennaio 2012)


Gennaio
Diff %
MARCA
2013
%
2012
%
'13/'12
FIAT GROUP AUTOMOBILES
    34.117
30,05
    40.507
29,41
-15,78
FIAT
    25.767
22,70
    28.421
20,63
-9,34
ALFA ROMEO
      2.807
2,47
      4.397
3,19
-36,16
LANCIA/CHRYSLER
      4.965
4,37
      7.004
5,08
-29,11
JEEP
         578
0,51
         685
0,50
-15,62
FERRARI
           29
0,03
           42
0,03
-30,95
MASERATI
            8
0,01
           19
0,01
-57,89
DR MOTOR
           54
0,05
         110
0,08
-50,91
LAMBORGHINI
            4
0,00
            6
0,00
-33,33
ALTRE NAZIONALI
           -  
0,00
            1
0,00
-
TOT. MARCHE NAZ.
34.21
30,14
40.69
29,54
-15,91
AUDI
4.56
4,02
5.28
3,83
-13,58
BMW
3.42
3,02
3.82
2,78
-10,46
CHEVROLET
2.1
1,85
2.98
2,16
-29,52
CITROEN
6.17
5,44
7.67
5,56
-19,48
DACIA
1.7
1,50
2.85
2,07
-40,19
DAIHATSU
220
0,19
187
0,14
17,65
FORD
6.6
5,82
11.86
8,61
-44,33
HONDA
502
0,44
564
0,41
-10,99
HYUNDAI
3.56
3,13
4.05
2,94
-12,17
JAGUAR
112
0,10
136
0,10
-17,65
KIA
3.09
2,72
2.37
1,72
30,31
LAND ROVER
1.32
1,16
1.3
0,95
1,07
MAZDA
495
0,44
345
0,25
43,48
MERCEDES
3.71
3,27
4.06
2,95
-8,50
MINI
1.23
1,08
1.71
1,24
-28,21
MITSUBISHI
224
0,20
492
0,36
-54,47
NISSAN
4.55
4,00
5.32
3,86
-14,58
OPEL
6.55
5,77
6.5
4,72
0,82
PEUGEOT
4.86
4,28
6.58
4,78
-26,13
PORSCHE
315
0,28
454
0,33
-30,62
RENAULT
4.88
4,30
5.03
3,65
-3,02
SEAT
930
0,82
1.1
0,79
-15,07
SKODA
934
0,82
1.18
0,86
-21,11
SMART
1.8
1,59
1.94
1,41
-7,02
SUBARU
460
0,41
182
0,13
152,75
SUZUKI
1.2
1,06
1.53
1,11
-21,42
TOYOTA
3.98
3,50
4.91
3,56
-18,96
LEXUS
41
0,04
124
0,09
-66,94
VOLKSWAGEN
8.53
7,52
10.94
7,94
-22,02
VOLVO
1.07
0,94
1.38
1,00
-22,77
ALTRE
190
0,17
212
0,15
-10,38
TOT. MARCHE EST.
79.31
69,86
97.06
70,46
-18,28
TOT. MERCATO
113.53
100,00
137.75
100,00
-17,58
Fonte: ANFIA - Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica
anfia.it