lunedì 5 dicembre 2011

La Fiat Panda non è una Escort? Certo che non lo è!

Panda MyLife 2011

Fiat Panda è la vettura più venduta in Italia, da tre mesi a questa parte, e nel depresso mercato Italiano (le vendite auto di novembre hanno rappresentato un ulteriore tonfo) sembra essere una delle poche automobili vendibili.

Questo è possibile a causa di un prezzo particolarmente invitante (oltre che a un prodotto senz'altro valido, anche dopo otto anni di vita, e affidabile). Nonostante un listino che sulla carta parte da 10.140 euro (si parla della versione d'attacco, la Active, sprovvista di aria condizionata), Fiat Panda MyLife viene proposta a 8.950 euro dotate di clima, barre portatutto e servosterzo Dualdrive (se in pronta consegna, ovvero già disponibili negli stock delle concessionarie Fiat).

Il prodotto c'è, il prezzo anche, ora bisogna comunicarlo. E si è scelto uno spot TV che ha alcuni ha fatto sollevare le sopracciglia.

La scena sembra essere girata al coperto di uno degli innumerevoli portici di Torino, dove vediamo passeggiare una donna elegante, in scarpe dal lungo tacco. “Quella che vedete non è un'Escort”, afferma una voce fuori campo (parrebbe essere quella del solito Piero Chiambretti) “è una Panda”. La voce poi ci informa che, contrariamente a quanto avvenga con le “Escort”, la Panda ha un prezzo fisso per tutti, anche con fattura.


Ora, sebbene sia un'opera meritoria quella di tenere vivo quel poco rimane del mercato italiano dell'auto, la commistione fra politica, para-politica e automobili ci sembra un po' stucchevole. Davvero non c'è altro modo di comunicare un'interessante offerta commerciale?

Voi che ne pensate?