domenica 23 ottobre 2011

Grazie Marco, grazie Dan

Ancora una vittima degli sport motoristici, purtroppo, a chiudere 2 week-end veramente neri.

Daniel "Dan" Wheldon
Ad una settimana dal terribile incidente – avvenuto la scorsa domenica sulla pista del Las Vegas Motor Speedway – che ha stroncato la vita del pilota britannico di IndyCar Dan Wheldon, oggi è stato Marco Simoncelli ha perdere la vita sul circuito di Sepang.
Seppur molto diversi (il 33enne inglese era un pilota di IndyRacing League, Simoncelli – di nove anni più giovane – gareggiava nel MotoGP) ad accomunarli era un grande talento.


Nel caso di Wheldon il talento aveva già portato i suoi frutti (fra cui le ambitissime vittorie alla 500 miglia di Indianapolis nel 2005 e 2011), mentre nel caso del giovane Marco i risultati tardavano un po' ad arrivare, anche se il secondo posto del Gran Premio d'Australia del 16 ottobre e gli ottimi risultati nelle prove facevano ben sperare per il futuro.
Marco Simoncelli, detto SuperSic

Lasciando da parte retorica e banalità (ce ne saranno a sufficienza, in rete, nei prossimi giorni) e immagini di automobili e motociclette che si schiantano (anche di questo, ne siamo certi, ce ne sarà in abbondanza), l'unica cosa che possiamo dire è grazie, grazie per le emozioni chi ci avete saputo dare.

Dan Wheldon, pilota d'auto (Emberton, 22 giugno 1978 – Las Vegas, 16 ottobre 2011)
Marco Simoncelli, pilota di moto (Cattolica, 20 gennaio 1987 – Sepang, 23 ottobre 2011)